le due bionde

le due bionde

mercoledì 31 ottobre 2012

Miglio con zucca

Buongiorno amici,
oggi ho preparato anche io una ricettina per Halloween, più che la ricetta ho voluto creare un po' l'atmosfera halloweeniana.








































Ingredienti:
1/2 kg di polpa di zucca
1/2 l di latte
100 g di miglio
parmigiano
zucchero
burro
sale








































Tagliate a pezzetti la zucca, fatela cuocere nel latte assieme al miglio finchè il cereale sia ben cotto e la zucca tenera.
Condite con sale e zucchero secondo i vostri gusti e frullate il tutto o lasciate a pezzi sempre secondo i vostri gusti.
Condite con abbondante parmigiano grattugiato e una noce di burro.









































Buon Halloween a tutti!!!
Sabina

martedì 30 ottobre 2012

Contorni: patate alle erbe e spiedini di zucchine e funghi

Buongiorno cari amici,
la mattina appena sveglia sono sempre un po' rimbambita e questo nuovo orario mi ha scombussolata non poco, ma pian piano mi abituererò come ogni anno.
Questo cambio dell'ora ha messo in crisi anche Elsa che non ci sta capendo più niente, lei vuole mangiare le sue pappe e basta e non gliene frega niente se è buio oppure no.
Oggi vi posto dei contorni, molto semplici da fare, ma molto carini secondo me da presentare.








































Per le patate alle erbe:
qualche patata novella piccolina oppure quelle a buccia rossa
1 rametto di rosmarino
qualche rametto di salvia
qualche rametto di timo
olio extravergine d'oliva
sale

Lavate le patate, fatele cuocere con la buccia in acqua salata per 20 minuti.
Toglietele dall'acqua e lasciatele raffreddare.
Lavate le erbe, asciugatele, tritatele grossolanamente e mettetele nella teglia del forno assieme alle patate, irrorate il tutto con l'olio d'oliva. Fate cuocere le patate sotto il grill del forno per 15-20 minuti girandole di tanto in tanto.
Salate prima di servire.









































Per gli spiedini di funghi e zucchine:
zucchine
funghi champignon (io ho preso quelli marroni)
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Lavate le zucchine, tagliatele a fettine sottili per lungo,  con il pelapatate. Pulite bene i funghi lasciandoli interi (non preoccupatevi se sono troppo grandi, si restringono durante la cottura).
Mettete in ammollo nell'acqua per qualche minuto gli spiedini di legno per evitare che brucino durante la cottura.
Arrotolate le fettine di zucchina una ad una ed infilatele negli spiedini alternandole con i funghi.
Mettete gli spiedini sulla teglia del forno, irrorate con dell'olio e cuocete sotto il grill del forno per una decina di minuti.












































Potete preparare queste due ricette separatamente oppure insieme come ho fatto io.
Ho cotto sotto il grill in un'unica teglia sia le patate che gli spiedini, gli aromi si sono mescolati ed il risultato è stato ottimo.








































Buona giornata a tutti!
Sabina

lunedì 29 ottobre 2012

Baguette

Buon lunedì a tutti,
che tempaccio questo week end, tanto freddo, pioggia, vento, neve, ora invece il cielo è quasi tutto sereno, ma il freddo è rimasto e da oggi credo proprio che indosserò il mio piumone. Non metto guanti, sciarpa e cappello di lana per non esagerare, ma poco ci manca.
Che bello però ogni tanto starsene chiusi in casa con la pioggia, ieri sono rimasta tutto il giorno in pigiama, non mi sono cambiata nemmeno per portare Elsa in giardino, pigrizia allo stato puro.
Ho cucinato tante cosine buone e confortevoli, lo conoscete il "cottage pie"? E' un pasticcio di patate con carne, una ricetta inglese. Le foto sono venute orribili, ma prossimamente ve lo posto comunque perchè è veramente buono. Poi nel pomeriggio pensando ad una bella tazza di te fumante ho preparato dei biscottini al burro. Ogni tanto servono anche queste giornatine per riposarsi un po'.
La mia ricetta di oggi invece sono le baguette.








































E' stata la mia prima volta e ancora non ci credo che siano venute così buone. La forma non è perfetta, ma la consistenza era proprio quella giusta, morbide all'interno e croccanti fuori.














































 







































Erano talmente buone che abbiamo mangiato pane e salame sia a pranzo che a cena.
Io poi adoro "spiluccare" così, con un buon bicchiere di vino. Una fettina di salame, un pezzetto di pane, un oliva e così via.......










































Ingredienti per 3 baguette:
700 g di farina tipo 0
25 g di lievito di birra fresco
200 ml di acqua tiepida o quanto basta
1 uovo
olio extravergine d'oliva
1/2 cucchiaino di zucchero di canna grezzo









































Sciogliere il lievito di birra in circa mezzo bicchiere d'acqua tiepida e aggiungere lo zucchero.
In una ciotola capiente impastate circa 100 g di farina con il lievito, aggiungendo eventualmente altra farina in modo da formare una pastella soda, in grado da tenere in piedi il cucchiaio di legno.
Copritela con 100 ml d'acqua tiepida e lasciatela riposare finchè non sale a galla.
A questo punto ricominciate a lavorare il primo impasto incorporando un po' alla volta il resto della farina, aggiungete anche 50 ml d'acqua o quello che serve fino a formare un impasto elastico.
Manipolate l'impasto almeno per 15 minuti, rimettete la pasta a lievitare coperta da un cannovaccio (la pasta per lievitare bene deve essere umida e non troppo asciutta), deve raddoppiare il suo volume.
Trascorso questo tempo (io l'ho lasciato tutta la notte), impastate ancora in modo da sgonfiare l'impasto, ricavate tre porzioni alle quali darete la forma delle baguette. Su ognuna praticate dei tagli obliqui.
Spennellate la superfice con dell'olio, sistemate le baguette sulla placca del forno e cuocetele in forno già caldo a 250° per 15 minuti circa. Abbassate il forno a 170° e fate cuocere per altri 50 minuti.
Spennellate le baguette con l'albume dell'uovo appena sbattuto e lasciate asciugare nel forno spento a sportello socchiuso.









































Buona giornata a tutti e buon inizio settimana!
Sabina

venerdì 26 ottobre 2012

Mini Tarte di mele con sciroppo d'acero e uvetta

Buon venerdì a tutti!
Come sempre, la mattina ho bisogno di una buona colazione per far partire bene la giornata.
Ammetto di essere fortunata perchè ogni mattina mio marito me la porta a letto. Ora mi immagino di sentire un boato di donne che urla: "Beata te!!!!" Care mie donne i mariti basta addestrarli un po' alla volta con le buone maniere. Si va bene.......l'altro giorno mi lamentavo perchè ogni mattina mi chiede dove sono i calzini, ma ho detto un po' alla volta.......prima o poi arriviamo anche ai calzini.......
Ora sorrido perchè sto pensando che se dovessi cambiare marito dovrei partire da zero con l'addestramento e sinceramente chi me lo fa fare???  Sto scherzando ovviamente, mio marito è un brav' uomo e sopratutto non si farebbe mai mettere i piedi in testa da nessuno. Il rapporto di coppia è un dare e avere e non deve mai mancare il rispetto reciproco.
Oggi la giornata è proprio di quelle tipiche autunnali, il cielo è grigio e la nebbiolina ha quel nonsochè di romantico. Si sta volentieri in casa e una fetta di torta di mele è quello che più desideriamo. 








































Queste mini tarte sono buonissime e durante la cottura sprigionano un profumo inebriante che si diffonde per tutta la casa.








































Avevo raccolto queste mele ancora qualche settimana fa durante una passeggiata con Elsa.
Finita la raccolta delle mele i contadini lasciano entrare nei loro campi per raccogliere quelle rimaste per terra. Sicuramente non sono bellissime, ma sono perfette per torte, strudel, composte ecc....









































Ingredienti per 8 mini tarte:

per marinare le mele:
il succo di un limone
4 cucchiai di sciroppo d'acero o miele
2 cucchiai di burro
3 mele

150 g di uva sultanina
2 cucchiai di rum

per l'impasto:
150 g di burro
80 g di sciroppo d'acero o miele
1 bustina di zucchero vanigliato
2 uova
200 g di farina
1 cucchiaino da te di lievito per dolci








































Sbucciate le mele, tagliatele in quarti e poi a fettine non esageratemente sottili. Mettetele in una ciotola. In un pentolino fate sciogliere il burro con lo sciroppo d'acero e il limone, versate sulle mele e mescolate bene. Tenete da parte.
Fate ammorbidire l'uvetta nel rum.
Nel mixer preparate l'impasto mescolando prima a velocità elevata farina, lievito e burro (otterrete un composto bricioloso), aggiungete poi le uova, lo sciroppo d'acero, lo zucchero vanigliato e l'uvetta.
Mescolate bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Dividete l'impasto in 8 stampini da crostatine di 10 cm l'uno ben imburrati e decorate con le fettine di mela.
Cuocete in forno preriscaldato a 160° per 25-30 minuti, fate anche qui la prova stuzzicadente.








































Auguro a tutti uno splendido week end!!!!
Io ho già iniziato con le cioccolate calde e voi????
Un bacione con affetto
Sabina

giovedì 25 ottobre 2012

Zuppa di farro e fagioli cannellini

Buongiorno cari amici,
ieri sera leggevo il post di Damiana, lei è carinissima, una delle prime blogger che ho conosciuto e che ha saputo scrivermi una parola gentile quando ne avevo tanto bisogno. Certi gesti così genuini io non li dimentico. Il suo blog si chiama "Dolci delizie di casa", qui potete leggere i suoi pensieri e le sue riflessioni. Ho pensato tante volte di scrivere anch'io quello che ha scritto lei, perchè molto spesso  rimango male per certi atteggiamenti di qualche blogger, ma poi mi dico un bel chissenefrega e vado avanti per la mia strada.
Per me il blog non è competizione, ma condivisione e per fortuna l'era di regine e sultani è passata di moda. A volte un po' di umiltà non guasta. Leggete il post di Damiana per capire di cosa sto parlando.
Ora ho un po' di fretta e velocemente vi scrivo la mia ricettina.








































Questa zuppa si addice perfettamente al discorso di oggi: genuinità, semplicità, umiltà, ma tanta bontà.








































Ingredienti per 4 persone:
200 g di farro (io utilizzo quello perlato che cuoce prima)
300 g di fagioli cannellini (anche quelli in scatola vanno benissimo)
2 spicchi d'aglio
un dado vegetale
rosmarino
salvia
peperoncino
sale e pepe









































Lessate i fagioli dopo averli tenuti a bagno per una notte.
In un tegame soffriggete in poco olio l'aglio schiacciato, le erbe aromatiche tritate e il peperoncino, aggiungete i fagioli con la loro acqua di cottura.
Salate e pepate, portate a ebollizione, aggiungete il farro, il dado e altra acqua. Per la cottura del farro seguite i tempi indicati sulla confezione.
Servite la minestra calda con un filo extra di olio d'oliva crudo.









































Insieme a Damiana, colgo anch'io l'occasione per dire a certi "Signori e Signore" di scendere dal loro piedistallo e farsi un bel bagno di umiltà.

Buona giornata a tutti!!!!
Sabina

mercoledì 24 ottobre 2012

Involtini di pollo con prosciutto crudo, ricotta e salvia

Buongiorno a tutti!!!
Oggi ho fatto veramente una grande fatica ad alzarmi e nonostante il mio solito tazzone di caffe mi sento ancora intorpidita, credo sia tutta colpa del riscaldamento, normalmente in camera da letto lo spengo.
Ieri ho appreso la notizia che Carmen Russo è incinta, come ben sapete è un argomento che mi tocca personalmente e quindi ne sono molto felice. Ammiro la costanza e la tenacia con cui certe donne inseguono questo sogno. Il desiderio di maternità non ha età. Sono a favore della fecondazione assistita perchè non c'è cosa peggiore per una donna non potere avere un figlio quando lo si desidera tanto. Dico solo che dovrebbe giudicare soltanto chi attraversa questo percorso di vita.
E' un argomento per il quale due righe non bastano, ma ho voluto toccarlo perchè credo non se ne parli abbastanza.
Torniamo alla ricetta di oggi, ho preso ispirazione da Gordon Ramsay, ma l'ho cucinata a modo mio.








































Ingredienti per due persone:
4 fettine di petto di pollo piccole e ben battute
2-3 foglie di salvia
4 cucchiai di ricotta
4 fette di prosciutto crudo
qualche rametto di timo
sale e pepe
olio extravergine d'oliva o una noce di burro
2-3 cucchiai di vino bianco








































Tritate finemente la salvia e mescolatela alla ricotta, salate e pepate e tenete da parte.
Sul tagliere adagiate le fette di prosciutto e sistemate sopra le fettine di petto di pollo, farcite con la ricotta e arrotolate bene premendo leggermente.
Sigillate gli involtini nella pellicola per tenerli in forma e metteteli in frigo per 1-2 ore, oppure chiudeteli semplicemente con dello spago o uno stuzzicadenti.
Sciogliete il burro in una pentola, adagiate gli involtini senza pellicola e fateli dorare bene su tutti i lati. Bagnate con pochissimo vino bianco secco, solo per deglassare, coprite con i rametti di timo, abbassate la fiamma e fate cuocere con coperchio per 10 minuti circa.
Serviteli caldi magari accompagnati ad un buon purè di patate.








































Nella ricetta di Gordon Ramsay i petti di pollo sono grandi ed interi e li ha cotti al forno a 180° per 15 minuti circa e poi tenuti in caldo coperti con un foglio di alluminio per altri 5-10 minuti.
Li ha serviti tagliati in diagonale.








































Buona giornata a tutti!!!
Sabina

martedì 23 ottobre 2012

Madeleines alle noci e gorgonzola

Buongiorno cari amici,
oggi sarebbe una di quelle giornatine in cui avrei mille cose da fare e quindi cercherò di essere molto sbrigativa con il post.
Le madeleines questa volta mi sono venute decentemente ed erano anche molto buone, andrebbero mangiate tiepide.
Ultimamente in cucina mi sento abbastanza negata, ho preparato dei muffin alla cipolla da portare ad un compleanno ed erano salatissimi, domenica ho fatto delle madeleines da regalare e ho dimenticato il parmigiano, con dei muffin dolci ho sbagliato i tempi di cottura ecc.....
Capita anche a voi di voler fare bella figura invece sbagliate qualcosa???? 








































Ingredienti per 12 madeleines grandi o 16 piccole:
3 uova
120 g di gorgonzola saporito
2 cucchiai abbondanti di parmigiano grattuggiato
150 g di farina
1 cucchiaino raso di lievito per torte salate
4 cucchiai di olio d'oliva
60 g di gherigli di noce
sale e pepe

Rompete le noci con le mani e tagliate il formaggio a cubetti piccoli.
In una ciotola o nel mixer sbattete le uova con il parmigiano, aggiungete la farina con il lievito, il gorgonzola, le noci, l'olio, un pizzico di sale e pepe e mescolate bene fino ad avere un composto liscio ed omogeneo.
Lasciate riposare in frigo per un'oretta.
Scaldate il forno a 270° (il mio va solo fino a 250° ed è andato bene comunque).
Spennellate gli stampini con poco olio e riempiteli con il composto. Infornate le madeleines per 4-5 minuti dopodichè abbassate la temperatura a 210° e continuate la cottura per 4-6 minuti finchè le madeleines saranno dorate.
Sfornate le madeleines, fate un po' raffreddare, sformatele e servitele ancora tiepide.








































Mi ci vuole ancora un po' di pratica per fare queste madeleines a colpo sicuro, ma con la volontà si impara tutto.
Buona giornata a tutti!!!
Sabina

lunedì 22 ottobre 2012

Insalata con formaggio di capra caldo

Buon lunedì a tutti!!!!
Oggi mi sembra di toccare il cielo con un dito perchè ho passato un week end bellissimo e spero sia stato così anche per voi.
Come vi avevo già accennato, ho avuto il piacere di conoscere personalmente Claudia del blog "I sogni di Claudette", suo figlio Marco e marito. Con Claudia c'è stato subito feeling, ci scriviamo da circa un anno e quando l'ho incontrata mi è sembrato di conoscerla da sempre, tra di noi c'è stata quella spontaneità che solo le vere amiche hanno. Posso dire che era veramente da tanto che non mi trovavo così bene con qualcuno. Per non parlare di suo figlio Marco, un bambino adorabile come pochi se ne trovano, innamoratissimo di Elsa. 
Anche il tempo è stato a nostro favore, nel cielo non c'era una nuvola e le temperature erano decisamente primaverili, si stava bene all'aperto.
Questo week end a Merano c'era anche la festa dell'uva e qui potete vedere qualche fotografia che ho scattato l'anno scorso.
La tradizione sudtirolese vuole che ogni terza domenica di ottobre ci sia "Il Traubenfest", la festa dell'uva.
Questa festa inizia già il venerdì e il centro di Merano è invaso da bancarelle pronte ad offrire il meglio delle specialità gastronomiche altoatesine. Per le strade regna il folclore e gli spuntini vengono allietati dalla musica tirolese.
E' una festa molto carina per chi non l'ha mai vista, ma come sempre c'è il rovescio della medaglia.
Troppi turisti, traffico, confusione, ristoranti strapieni ecc... Purtroppo non sono riuscita a portare Claudia dove avrei voluto e a farle conoscere la vera Merano.
La mia ricetta di oggi invece non a niente a che fare con la cucina altoatesina, ma con i prodotti direi proprio di si.








































E' un insalata decisamente autunnale con mela e noci e il formaggio caldo ci sta proprio bene.
Credo sia perfetta in queste giornate ancora calde.








































Ingredienti per due persone:
un piccolo cespo di insalata verde
una mela
un limone
qualche gheriglio di noce
mezzo pomodoro
2 formaggini di capra rotondi (tipo crottin)
1 uovo
farina
pangrattato
olio extravergine d'oliva
sale e pepe








































Lavate l'insalata, mettetela in una ciotola e conditela leggermente con olio, sale e pepe, tagliate la mela a fettine sottili e irroratela con il succo di limone, tagliate il pomodoro a spicchi e sistemate tutto su due piatti.
Impanate i formaggini passandoli prima nella farina, poi nell'uovo leggermente sbattuto e infine nel pangrattato. Friggeteli in abbondante olio bollente, sgocciolateli su carta assorbente, salateli e sistemateli nei piatti sopra l'insalata, guarnite con i gherigli di noce e servite con del pane croccante.








































Buon inizio settimana a tutti!!
Un bacio
Sabina

venerdì 19 ottobre 2012

Dolce marocchino: sfogliatine di mele allo zafferano

Buon venerdì cari amici,
oggi voglio costringermi a parlare di qualcosa di allegro, leggero e spensierato anche se in realtà la mia mente è altrove.
Iera sera ho appreso la notizia che la moglie di un caro amico di mio marito è venuta a mancare, aveva la mia età e ha lasciato tre figli. Sono alquanto sconvolta e non dico altro.
Passare da un argomento simile a qualcosa di allegro è difficile. Per prima cosa sta lievitando il mio impasto per le baguette, appena finisco il post vado a cuocerle. E' la prima volta che provo a farle e sono curiosissima di come verranno.
Ieri alla radio ho ascoltato l'intervista a Robbie Williams.....che figo!!!...... non vedo l'ora di vederlo domenica sera a X Factor. Mi è davvero simpatico e il suo accento britannico mi fa impazzire. Ero appena andata a vivere a Londra quando si formò il gruppo dei Take That. Ebbero da subito un successo pazzesco e come tutte le ragazzine urlavo come una pazza e mi strappavo i capelli quando li vedevo per strada, quindi posso dire che Robbie Williams è la pop star dei miei tempi.
Domani incontrerò una blogger molto conosciuta che verrà a Merano con la famiglia, sono troppo felice e non vedo l'ora di conoscerla personalmente. Ve ne parlerò lunedì se a lei farà piacere.
Ora torniamo in Marocco con il mio dessert.







































E' un dolce marocchino. La ricetta è del ristorante "Riad Tanja" di Tangeri e io l'ho trovata sulla rivista Grazia di alcuni anni fa.








































E' un dessert facilissimo da preparare, è light, ma allo stesso tempo toglie quella voglia di dolce che si ha alla fine di un pasto. Lo zafferano si sposa molto bene con le mele, una novità anche per me.










































Lo zafferano è per il Marocco oro prezioso e anche lì si paga profumatamente, ma quanta soddisfazione portarsi a casa qualche pistillo......tutt'altro delle nostre bustine.







































Ingredienti per sei persone:
1/2 kg di mele
1 noce di burro
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di pistilli di zafferano
1 confezione di pasta phillo
zucchero a velo
lamelle di mandorle tostate








































Sbucciate e tagliate a piccoli dadini le mele, saltatele in padella con il burro, lo zucchero e lo zafferano. Le mele devono caramellarsi, ma allo stesso tempo rimanere sode. Lasciatele raffreddare.
Nel frattempo ritagliate 18 dischetti o rettangolini di pasta phillo. Stendeteli nella placca del forno foderata con carta e cuocete finchè non saranno dorati e croccanti (per la cottura della pasta seguite le indicazioni riportate sulla confezione).
Preparate le porzioni sistemando in ciascun piatto un dischetto di pasta, poi le mele, alternando come ho fatto io. Decorate con le lamelle di mandorla e poi spolverizzate con lo zucchero a velo.








































Buon week end a tutti!
Sabina


giovedì 18 ottobre 2012

Falafel di ceci

Buongiorno amici miei,
mio marito mi sta appena dicendo che sono una brontolona, il fatto è che noi donne dobbiamo sempre pensare a tutto per quanto riguarda la casa e la famiglia,  apppena apriamo bocca agli occhi degli uomini diventiamo insopportabili. Io non mi ritengo una rompi palle, sono per il vivi e lascia vivere, ma a volte gli uomini adulti si comportano proprio come i bambini e la mattina è un disastro, tutti i giorni le stesse domande: "cosa mi metto???" "dove sono i calzini????" "dici che fa freddo con questa giacca???" "pensi faccia caldo con questa maglia????". A me poi mi prendono i cinque minuti e lo mando......sapete dove???? E' tutta colpa mia, non avendo figli l'ho viziato e ogni anno è sempre peggio. Ora se legge questo post chiede subito il divorzio.
Parliamo d'altro che è meglio.
Oggi vi presento i falafel.








































Le origini di questo piatto sono un po' incerte, c'è chi dice siano libanesi, altri dicono israeliane.
Diciamo che è un piatto mediorientale e basta.








































Queste polpettine di ceci sono l'ideale in tante occasioni, specialmente per persone che come me mangiano poca carne.

















La preparazione è facilissima e il risulato sorprendente, innanzi tutto sono molto carini da presentare e poi sono leggeri nonostante la frittura, ma allo stesso tempo molto saporiti, croccanti all'esterno e morbidi internamente.








































Ingredienti per 8 persone:
200 g di ceci secchi
un cucchiaino di bicarbonato di soda
un cucchiaino di cumino in polvere
un cucchiaino di coriandolo in polvere
una cipolla
2 spicchi d'aglio
un ciuffo di prezzemolo
succo di limone
un pizzico di peperoncino
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Mettete a bagno i ceci in acqua fredda per 24 ore, cambiate almeno due volte l'acqua.
Sgocciolateli e metteteli nel mixer con le spezie, la cipolla,  l'aglio, il bicarbonato e un cucchiaino di succo di limone.
Frullate tutto fino ad ottenere un composto ben amalgamato, ma leggermente granuloso.
Regolate di sale e pepe e aggiungete il prezzemolo tritato, aggiungete anche l'olio regolandovi voi con la consistenza, aggiungetene poco alla volta finchè riuscite a formare delle polpettine.
Friggete poche polpettine alla volta in due dita di olio ben caldo, fatele dorare da entrambi i lati.
Passatele nella carta assorbente e servitele ancora calde.








































Oggi sono anche più soddisfatta del solito riguardo le mie foto e mi faccio i complimenti da sola.
Voi cosa ne pensate????

Buona giornata a tutti!!!
Un bacio
Sabina